Discussioni sulla fotografia
 

"La fotografia del no"

ciccio 20 Feb 2017 15:42
Un altro Maestro:

"Dentro a ogni fotografia è più importante ciò che non si vede a prima
vista rispetto a ciò che si vede immediatamente."


"Senza la conoscenza e la curiosità del sapere e dello stare nel mondo
dei rapporti sociali in piena condivisione con gli altri, le emozioni e
le regole della visione sono prive di vita, di profondità, sono solo
immagini e basta. Voglio ricordarti una frase molto bella di Susan
Sontag, che dice: “Pensare è una forma di sentimento e sentire una forma
di pensiero”. E questo è il punto cruciale di un fotografico che non sia
solo retinico ma comprensivo di tutta la nostra sensorialità, estesa non
solo al referente (il soggetto da fotografare) ma anche alla percezione
quasi magica di un sentire soggettivo, che attraverso lo sguardo collega
tra loro le relazioni di spazio e di tempo, che sono parti costitutive
del singolo soggetto, senza le quali esso si isola, si rinsecchisce in
se stesso, diventando pura forma visibile su un foglio di carta
fotografica o stampata al plotter. Penso che sia ancora possibile
intendere e utilizzare il mezzo fotografico come medium per vedere oltre
la realtà dopo averla attraversata, toccata, visualizzata, *****izzata,
insomma sentita come “passaggio” da ciò che vedo come reale e ciò che
immagino esso diventi dopo averlo ripreso in immagine."


Questa è dedicata a tutti i photoshoppisti:

"Essere dentro "La fotografia del no" significa per me prendere le
distanze da un post-pittorialismo fotografico che, tutt’oggi, mescola
immagini, segni e post-produzione digitale, ai fini di una affabulazione
visiva e forme di spettacolarizzazione."

Mario Cresci


Purtroppo saranno perle ai *****i... ;-(

http://www.doppiozero.com/materiali/fotografia-del-no

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Discussioni sulla fotografia | Tutti i gruppi | it.arti.fotografia | Notizie e discussioni fotografia | Fotografia Mobile | Servizio di consultazione news.